• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

LE TERRE DEL CRATERE SI DIFENDONO CON LA MUSICA

E-mail Stampa PDF

 

Con  "BALLO! La Saltarella, La nostra terra  che balla" , Parco della Musica, Roma, la notte di San Pietro e Paolo (29 giugno)  si è sciolta tra suoni, colori, racconti passi di danza e sentimenti , ricordando le terre dell'Alta Sabina,   la sua cultura musicale, la sua tradizione di poesia in ottava rima ,i suoi strumenti antichi come le ciaramelle, la sua espressione di danza, la Saltarella ,   e soprattutto le sue ferite dopo il terremoto e la voglia di ricominciare “stando insieme e facendo comunità- come afferma abbracciato al suo organetto Ambrogio Sparagna , direttore artistico della performance giunta alla sua ottava edizione, che rilancia   il suo invito a danzare e suonare  tenendo le mani ferme su un patrimonio che può sfuggire e perdersi.Ballareviaggiando.it web partner dell'evento

di Ester Ippolito

 

 

 

La terra balla  quando si sprigionano musiche e danze...Con l'energia musicale dell’OPI, le vibrazioni del Coro, la passione di molti ospiti venuti da Amatrice, Borbona e dintorni, la forza  e l'immedesimazione dei   danzatori coordinati da Francesca Trenta "compagna di viaggio “ del maestro Sparagna e che, secondo le sue parole,  “ sa tradurre in movimento emozioni e sentimenti e simbolismi”, i  anche quest’anno si è svolto il rito di Ballo! , atteso da un pubblico fedele e da nuovi spettatori , che quest'anno ha scelto rendere omaggio alle terre dell'Alta Sabina    ferite dal sisma, dove si vuole ricominciare , appoggiandosi gli uni gli altri, ricordando il tremore della terra che ha portato via cose e persone, e mentre il tempo passa ricreare momenti di festa e rinnovare  la voglia di stare insieme.

 

Così sul palco  scoppia  la poesia della danza  tradizionale e del teatro -  danza di Francesca Trenta e del suo gruppo di danzatori, nocciolo duro I Passi della Tradizione più altri elementi di scuole che percorrono gli stessi progetti culturali. Lo spazio  scenico  si anima con quadri ricchi di sentimenti ed emozioni , dal tremolio della terra al tempo che si ferma, alla voglia di unione , anche con sfumature di tango  con Anna Maria Candeliere e Antonio Lalli. Non manca   l'aria di festa con pizziche travolgenti,   e passaggi corali di grande coinvolgimento. Protagonisti i bambini che rappresentano il futuro e la vita che verrà, insieme all'allegria  trascinante della Banda di Borbona, 110 anni di vita,  le tradizionali    Pupazze che ballano e che nelle feste locali sprigionano  fuochi d'artificio ricordando che il fuoco brucia il male.

 

Ed   ecco  il gruppo di danze tradizionali  Ma-tru di Amatrice,che rappresenta il territorio reatino fin dal 1989, con Franco Moriconi e  altri musicisti , scatenarsi  nella Saltarella, anima di queste terre, e poi  i poeti improvvisare rime al suono del tamburello, e la Spallata che irrompe strizzando l'occhio al limitrofo Abruzzo.  E poi le voci , Raffaello Simeoni , Eleonora la Bordonaro con una splendida Amara Terra ,Patrizio Trampetti della  Compagnia Popolare , con un brano di Raffaelle Viviani adatto a questi tempi difficili”,e tutto il Coro,diretto da Anna Rita Colaianni, con canzoni tradizionali pieni di forza e ritmo.    E come ogni rito che si rispetti , gran finale, tutti insieme, artisti e pubblico uniti in una grande danza in nome delle terre di tutti.

“L'obiettivo dello spettacolo, e di tutto il percorso che seguirà con la realizzazione di un progetto ad hoc  che tra laboratori e altri momenti di spettacolo tra Roma e i luoghi dell’Alta Sabina, tra Amatrice, Borbona e Accumuli, ci accompagnerà fino ai primi del 2017, è quello di recuperare e mettere in scena un ricco patrimonio musicale e di danza , e tutti insieme tracciare la strada della rinascita- le parole di Sparagna che per l'occasione  ha   rielaborato molti brani tradizionali, e ha valorizzato le risorse culturali dell'area   ispirandosi  anche alle ricerche  antropologiche di Eugenio e Alberto Cirese.

Il  progetto che ha preso il via da Ballo !-Suoni, Sapori e Culture tradizionali in movimento", a cura dell' Auditorium Parco della Musica di Roma, in collaborazione con Finisterre , Direzione Artistica Ambrogio Sparagna, con il sostegno della Regione Lazio,con lo    scopo di costruire un tessuto di socialità e di attività culturali in alcuni dei comuni dell’area del cratere mettendo al centro del lavoro il ricco patrimonio folklorico dell’area, è  stato introdotto sul palco della cavea dall'ad dell'Auditorium   Josè R. Dosal, e da Lidia Ravera, assessore alla cultura e politiche giovanili della Regione Lazio, sottolineando il valore della musica e cultura per stare vicino a queste terre ferite.

Foto Ballareviaggiando.it

www.auditorium.com

www.finisterre.it

Articoli correlati http://www.ballareviaggiando.it/home/2123-balloe-il-ritorno-alla-vita.html  http://www.ballareviaggiando.it/home/2128-balloil-senso-poetico-del-movimento.html

http://www.ballareviaggiando.it/home/15-slideshow/2139-parte-con-ballo-il-progetto-saltarella-la-nostra-terra-che-balla.html.-

IN SCENA

Ballo!, Saltarella. La nostra terra che balla, VIII Edizione, Ambrogio SParagna

Alla danza: Francesca Trenta, Stefano Campagna, Notte della Taranta 2016, I Passi della Tradizione,Roma, Alfio Longo , Totemtanz, Roma, I colori del territorio, associazione abruzzese,   Scarpette rosse , Molise, Gruppo Ma-trù di Amatrice,Terra Nemorense, Nemi.

Con la partecipazione dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica, e  il Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni 


 

 
notte taranta cannito .png
facebook youtube twitter
  • login

Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando








VIVA MOMIX FOREVER AL TEATRO OLIMPICO
Immagine

  Spettacolo nato nel 2015 per festeggiare i 35 anni d´esistenza di Momix trascorsi a calcare le scene dei teatri più importanti di tutto il mondo, ed è con una spettacolare raccolta delle sue...
MUSICAL, TORNA " AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA"
Immagine

La tradizione si rinnova e stupisce ancora. Un orgoglioso teatro Brancaccio ospita  a Roma  fino al 26 novembre una nuova edizione di uno dei classici più amati della commedia musicale " Aggiungi...