• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

B&V E RADIODANZA: BALLARE PER CONOSCERE IL MONDO

Il 2018 si conclude con il successo della ormai consolidata collaborazione tra Ballare Viaggiando.it e Radiodanza. La nostra rivista web e la webradio dedicata alla danza hanno dato vita nel 2016 al programma "Ballare Viaggiando", una 'finestra' sui balli di tutto il mondo, tra tradizioni, storia, attualità, musica e curiosità turistiche. I numerosi esperti che si sono avvicendati al microfono della conduttrice e curatrice Livia Rocco hanno contribuito a creare una varietà eccezionale, focalizzando l'attenzione su tanti Paesi che attraverso le loro danze dicono molto di più di quanto si può immaginare

 

di Livia Rocco

 

 

Conoscere i Paesi del mondo significa anche conoscere le loro danze: è questo il messaggio del programma "Ballare Viaggiando", in onda su www.radiodanza.it l'ultimo giovedì di ogni mese (alle 16,00). A fine anno ripercorriamo le tappe di un viaggio virtuale  nato   per accostarsi ai balli di ogni continente con curiosità, qualche volta con entusiasmo, e sempre con il rispetto dovuto ad ogni espressione culturale dei popoli.

 

Siamo partiti (a gennaio) dalla Grecia, con le sue danze antichissime ma ancora così partecipate e sentite dalla popolazione. Tra le più rappresentative le danze Syrtos, circolari, tra cui il tradizionale Hasapikos. Ma ogni località greca possiede i suoi balli tipici, eseguiti soprattutto in occasioni festose e accomunati da un forte spirito comunitario e senso di appartenenza. Uno spirito che si trasmette facilmente agli osservatori esterni, e che porta a identificare la nazione anche attraverso i suoi balli e la sua musica così riconoscibile. Tra i simboli delle danze greche nel mondo il Syrtaki, un ballo moderno inventato negli anni Sessanta sulla musica di Mikis Theodorakis. Il Syrtaki, in realtà, ha al suo interno due danze tradizionali, che sono l' Hasapikos nella prima parte e l'Hasaposervikos nella seconda parte, quando il ritmo cambia e i passi diventano rapidi e 'saltellati'.

 

A febbraio abbiamo cambiato continente, puntando sul Brasile con ospite in studio Enzo Conte, grande esperto di balli latinoamericani che era già venuto a trovarci l'anno scorso in diverse occasioni (salsa, merengue). Enzo ha messo in luce la grandissima vivacità del Brasile di oggi per quanto riguarda la musica e i balli...è come se questo immenso e variegato paese avesse un'antenna speciale per captare e lanciare nuove tendenze. Il mitico e storico samba, per esempio, si esprime e si evolve in tanti balli diversi come il samba di Gafieira, o il Pagode, un samba moderno nato a Salvador de Bahia, la località più 'africana' del Brasile, dove sorgono di solito le nuove mode; o come il samba reggae, nuova corrente molto ritmica, che tutti ballano anche durante il Carnevale di Salvador, in strada. Di gran moda anche lo Zouk, nato nelle Antille francesi e adottato dai brasiliani, che ha avuto successo in tutto il mondo anche come Kizomba (di origine angolana). Tutti balli trascinanti e anche molto piacevoli da ascoltare alla radio!

 

A marzo Ballare Viaggiando si è spostata negli States e in particolare nel 'selvaggio west', con una puntata dedicata alle danze 'country western'. Stella Cupellini, titolare di una delle prime scuole di questo tipo di ballo nella capitale, ci ha introdotto nel mondo dei balli country; coreografie e raduni oceanici, stivali e cappelli da cowboy, tanta voglia di divertirsi e musica che fa immaginare i paesaggi maestosi e affascinanti del Wyoming, dove la natura è ancora protagonista. “I passi sono alla portata di tutti e adatti a ogni età – fa notare Stella -, ma soprattutto sono gli stessi in ogni parte del mondo, e questo ci fa sentire parte di una immensa comunità”.

 

Stimolante e ricco di curiosità (maggio) l'intervento di un'altra gradita ospite, Cinzia Ravaglia, interprete e insegnante eclettica che ci ha parlato con grande passione della danza orientale, più conosciuta da noi europei come 'danza del ventre'. “Uno stile di ballo che in Egitto si respira in ogni casa fin da bambini – sottolinea Cinzia -. Quei movimenti del bacino, sinuosi e con scatti improvvisi, che appartengono solo a questo tipo di danza, vengono imparati molto presto dagli egiziani, mentre noi occidentali dobbiamo studiare ed esercitarci molto per riuscire ad eseguirli. Tra l'altro si tratta di movimenti salutari, che utilizzano ogni parte del corpo raggiungendo armonia e fluidità”.

 

Il percorso tra i balli del mondo è proseguito con la Russia (giugno), un paese che nella sintesi tra classico e tradizionale trova l'aspetto più caratteristico delle sue notissime e apprezzatissime danze. Il balletto folkloristico dell'Armata Russa esegue danze popolari di tutte le repubbliche dell'ex URSS: balli tradizionali, danze dei cosacchi, ricostruzioni di combattimenti tra Ussari. Una grande spettacolarizzazione del patrimonio culturale russo, attraverso coreografie arricchite da costumi, virtuosismi, melodie e strumenti tipici come la balalaika. La Troika è tra le danze più caratteristiche del folklore russo. Per imitare la tipica slitta o carretto trainato da tre cavalli – la troika, appunto - i tre ballerini (di base un uomo tra due donne) si tengono per le braccia e danzano in varie combinazioni che riproducono il passo dei cavalli. Nota come danza dei cosacchi è l’hopak, considerato il ballo nazionale ucraino. Il nome deriva dal verbo hopati, che significa ‘saltare’: ecco perché quando saltiamo esclamiamo ‘hop’!

 

La puntata di BV dedicata alle danze indiane (settembre) è stata la più cliccata su facebook, segno del grande interesse suscitato dal subcontinente indiano e dalla sua cultura. La giovane danzatrice Valentina Manduchi, protagonista della puntata, ha sottolineato proprio lo stretto legame tra le danze e le altre espressioni della cultura indiana, o meglio 'delle culture indiane', in quanto l'India è un mondo estremamente vario, dove spostandosi da uno stato all'altro cambiano completamente usi, costumi, religioni (induismo, buddismo, islam). A parte i vestiti colorati e le particolari movenze delle mani che subito colpiscono gli osservatori, sono molte le storie e le leggende 'raccontate' dalle danze indiane, e molti anche i personaggi -femminili e maschili- che le animano, alcuni dei quali, sorprendentemente, potrebbero vagamente ricordare le maschere della nostra commedia dell'arte!

 

Altrettanto affascinanti   le danze hawaiane e polinesiane, alle quali abbiamo dedicato la puntata di ottobre. Musiche da sogno, dominate da chitarre e ukulele, accompagnano le danzatrici con le tradizionali 'gonne d'erba', ma in questi balli c'è anche molto ritmo e uno stretto legame con la terra e la natura. Tra i balli del Pacifico, la hula hawaiiana e il tamuré tahitiano sono i più conosciuti nel mondo, ma non tutti sanno che la hura delle Isole Cook è molto più sensuale e intensa, e proprio in questo arcipelago si trovano i ballerini più bravi. Non a caso l’ elezione del miglior ballerino delle Cook rappresenta uno dei maggiori eventi di tutto il Pacifico. In questa occasione, al ritmo sfrenato dei tamburi, uomini e donne si sfidano per eseguire la ‘hura’ migliore.

 

L'anno si è chiuso con il Tango, un 'patrimonio dell'umanità' che Ballare Viaggiando non poteva trascurare, con un omaggio anche all'Argentina e all'Uruguay, terre che hanno accolto tanti e tanti emigrati italiani. E proprio dall'immigrazione – africana prima ed europea dopo – nasce il tango. A ricordarlo è  stata Fatima Scialdone, ospite d'eccezione che al tango ha dedicato una serie di spettacoli legati al tema dei diritti umani e della violenza contro le donne. Attrice, cantante, danzatrice e direttore artistico dell'Associazione Tango Eventi, Fatima ha ripercorso con noi l'evoluzione del tango, dal 'tango negro' alla Milonga, dai temi della nostalgia al particolare tango Yddish. Molte le curiosità: sapevate, per esempio, che il famoso 'bandoneon', oggi strumento simbolo del tango, viene dalla Germania, dove si suonava in chiesa, e arriva in Argentina tramite gli immigrati del Nord Europa?

C'è sempre tanto da imparare, e il viaggio continua...

 

Ospiti delle precedenti puntate:

Enzo Conte (Salsa-Portorico, Merengue-Santo Domingo)

Martina Spagna (danze irlandesi)

Francesca Trenta (balli tradizionali del sud Italia)

 

 
foto02.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'-CON ROBINTUR LA LINEA "VIAGGI UNICI"...I FESTIVAL DELL'UMANITA'
Immagine

La Festa dei Colori in India, l’Inti Raymi degli Inca in Perù, la celebrazione buddista dell’Esala Perahera in Sri Lanka, la Festa delle Luci in Thailandia. Sono i grandi festival...
TURISMOPIU'-TURISMO MUSICALE, ITALIA IN POLE POSITION. UN'ANALISI STRATEGICA
Immagine

  Giovane, colto, europeo e, spesso, donna. E’ questo il profilo del turista   musicale, colui che che viaggia all’inseguimento di concerti, opere liriche e manifestazioni musicali nel senso...