• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

LO SCRITTORE DON BACKY DOPO 50 ANNI....

Aldo Caponi, in arte Don Backy , presenta il suo libro " Io che miro al tondo", edizioni Clichy, rieditato dopo 50 anni dalla sua  prima uscita per Feltrinelli.Tante  le  storie, aneddoti e  curiosità  che girano intorno  alla genesi del  volume scritto dal cantante autore per mettere a nudo delle sensazioni d'amore con una descrizione  molto particolare , di isole lontane  mai viste ma descritte in modo immaginifico, suggestioni tropicali,  accanto a un intreccio di personaggi dai nomi strampalati  nati da realtà e   fantasia.Incontro alla libreria I Trapezisti di Roma

 

di Ester Ippolito

 


 

 

Tante  storie, aneddoti e  curiosità   girano intorno  alla genesi del  volume  “ Io che miro il tondo “ a firma di Aldo Caponi, in arte Don Backy , primo cantante cantautore  a mettere mano a un libro  tra il 1966 e 1967, tra l’altro con grande successo di critica. La prima edizione vide la luce appunto  nel 1967  per i tipi Feltrinelli, un particolare degno di nota,    e oggi a 50 anni di distanza  ecco una riedizione  , questa volta  a cura di Clichy. Tra le varie presentazioni in calendario in questo periodo , abbiamo incontrato il cantante scrittore  a Roma , presso la Libreria I Trapezisti , dove, affiancato da Dario Salvatori, e stimolato dalle domande di   Maurizio Zicoschi (nella foto in alto), Don Backy ha ripercorso le tappe  di questa opera, dalla sua prima ispirazione , un litigio e delusione d’amore, una donna importante poi diventata compagna di vita,  alla stesura accompagnata sempre da buona musica  come nutrimento per le idee, all’incontro con Feltrinelli , che portò il manoscritto a Cuba e al suo ritorno  lo volle editare così com ’era , senza correzioni o alcuna revisione. E poi il successo , la curiosità per uno stile inedito e originale, per la fantasia, per la descrizione di isole lontane  mai viste ma descritte in modo immaginifico, suggestioni tropicali,  accanto a un intreccio di personaggi dai nomi strampalati  nati da realtà e   fantasia.   “Che cos’è questo libro? Un romanzo? Una storia d’amore? La favola dell’amicizia? Un sogno? Senza dubbio una delle cose più anomale e inclassificabili che siano mai state scritte in Italia- è stato detto.   “ E’ un libro moderno , attuale, non sembra scritto 50 anni fa , propone uno stile particolare fatto di giochi di parole,spicca  il coinvolgimento diretto con il lettore,la lettura è affascinante  e   richiama alla memoria autori importanti , come Calvino, per esempio- le parole di Zicoski.

 

Forse proprio   per la sua freschezza e attualità l’opera viene oggi  riproposta sul mercato. “ Dopo tutti questi anni – ha raccontato Don Backy- mi è arrivata la richiesta   da parte di Cichy di rieditare   questo libro. Ho accettato con grande piacere e ho avuto l’opportunità, questa volta, di revisionare la mia creatura , fare  alcune  correzioni e modifiche che avevo in mente già 50 anni fa, ma che non sono sostanziali alla natura del libro  che è scaturito in modo fluido   dalla mia fantasia grazie al fatto che    ho sempre avuto una facilità nello scrivere fin da ragazzino.  E mi stupisco  sempre  i parallelismi che alcuni critici fanno tra la mia scrittura e reminiscenze di grandi autori. Quando mi sono messo all’opera  avevo tante cose da dire, avevo questa forte esigenza di esprimermi  , ma non volevo scrivere canzoni . Avevo bisogno di esternare delle sensazioni d’amore più che scrivere una vera e propria storia. E ascoltando brani di Louis Amstrong e le chitarre di Tommy Garret ho capito come procedere.     Il titolo “  Io che miro al tondo” riprende  una mia  canzone di  successo “ Io che giro il mondo”.

Dario Salvatori ha evidenziato  in modo particolare l’importanza della musica in anni come il 1967, e la  novità di questo libro   scritto per la prima volta da  un cantante , "mentre adesso gli scaffali delle librerie sono pieni. Tra reminiscenze letterarie e coincidenze, che mi suscitano sempre curiosità, questa  è un’opera interessante con uno stile proprio. Lo stile   non si può ricalcare, dipende  dalle letture fatte e dal proprio punto di vista”.

Don Backy ha dato luce  poco tempo fa anche a un CD Pianeta Donna dedicato all’universo femminile, 12 brani in cui la donna cantata nelle sue più varie sfumature e figure : allegra, triste, sensuale, felice, decisa, avventurosa, amante, madre o moglie.

 

http://www.donbacky.it/

 
foto01.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

A FIESTA LA BAND HAVANA DE PRIMERA, RITMO E CULTURA MUSICALE
Immagine

  Si baila con il cuore venerdì 20 luglio  a Fiesta con  la band HAVANA DE PRIMERA, un’orchestra di prima classe formata da musicisti di grandissima abilità provenienti dalle più severe...
VIAGGIANDO. FIRENZE, ANDAR PER GIARDINI ....
Immagine

Firenze, città d'arte preziosa, svela il suo lato verde, ideale per un tour tematico  a fine estate o nel cuore della primavera.   Il centro  città, infatti, offre diversi giardini e parchi...