• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

Alessandro Fontana e Mina: “ Mi sei scoppiata dentro al cuore”

E-mail Stampa PDF

 


Uno show al  Parco della Musica di Roma  “narrato, recitato e cantato” da Alessandro Fontana per i  settanta anni di Mina. La grande passione per la Tigre di Cremona e per un  repertorio, dal 1960 al 1978, molto importante per la storia di tutti. I proventi  del cd e dello spettacolo  sono stati  destinati all' A.S.A.M.S.I. (Associazione Studio Atrofia Muscolare Spinale Infantile ). Un preciso  impegno di Fontana verso questa associazione

di Elio Ippolito


Settanta anni di Mina e  uno show a  Roma, all'Auditorium Parco della Musica lo scorso  marzo  (Sala Sinopoli)  dedicato alla grande cantante  per aiutare  A.S.A.M.S.I (Associazione Studio Atrofie Muscolari Spinali Infantili). E' quanto ha offerto al pubblico romano  Alessandro Fontana, attore e cantante, mosso da una grande passione per la Tigre di  Cremona  e  per tutto il suo vasto repertorio.

 

 

 

 Fontana,  in uno spettacolo musicale a una voce sola, narrato, recitato e cantato da lui stesso,  ha  infatti proposto “per la prima volta cantate  da un uomo” le canzoni  di Mina  dagli   anni 60 al  1978, anno della morte di Aldo Moro  e anche del ritiro dalle scene  della cantante. Uno spettacolo che si è rivelato  di grande suggestione per la calda e bella voce maschile che ha interpretato i brani -  particolare che ci ha subito incuriosito - e  che  ha registrato  interviste e servizi sulla Rai  (Angelo Angelastro)  e  su Gold tv, in questo caso ospite di un'altra celebrità degli anni 60, vale a dire Franco Simone. 

 L'immagine di Mina e un periodo denso di eventi

Insomma - sottolinea Fontana a proposito del suo spettacolo -  è stato   un modo  per ripercorrere  anni molto importanti, pieni di sogni, illusioni, speranze, rivoluzioni e delusioni. L'idea è stata mia, dopo aver realizzato il cd  “Mi sei scoppiata dentro al cuore” dove interpreto le canzoni dello stesso periodo, realizzando un sogno e dando vita alla mia grande passione per Mina.  A 11 anni ho ricevuto  in regalo da mia cugina il famoso cd della cantante, quello dove è rappresentata una scimmietta, e da lì mi  sono innamorato  perdutamente della donna e della sua voce. In quel periodo andavo matto  anche  per i  brani di Rita Pavone  e in particolare  del suo Geghegè. Ma, tornando  a Mina, penso che lei  sia stata un'anticipatrice di mode e modi e le sue canzoni, che tutti almeno una volta abbiamo canticchiato, legano come un filo d'oro flash di un'epoca che ha determinato il nostro presente”. Lo spettacolo  ha visto l'arrangiamento dei brani a cura  di Massimo Del Vecchio, testi di Olga Garavelli, e la regia di Paola Maffioletti. “La performance ha suscitato molto interesse - ancora Fontana -  e abbiamo diverse richieste. Probabilmente lo show   girerà per qualche altra città italiana. In agenda ho anche altri progetti - anticipa  il cantante senza rivelare però tutti i dettagli. “Si tratta di uno spettacolo, che dovrebbe essere pronto tra un anno, dedicato  questa volta a  un personaggio maschile, un  compositore, tuttora in attività, che ha raggiunto  i migliori successi tra il 60 e fine anni 70. Quindi un altro percorso  dagli anni 60  ai giorni d’oggi”. Fontana, colpito  a fine 1991 da una grave forma di meningite di cui porta ancora  i segni, mentre era impegnato in una fase lavorativa molto intensa, ha una missione da portare avanti   con  grande forza e vitalità:  dedicare il suo impegno e i proventi di cd e spettacoli all' A.S.A.M.S.I.(Associazione Studio Atrofia Muscolare Spinale Infantile) fondata dalle famiglie che hanno bambini affetti da questa rarissima malattia. “Voglio dare  voce a questa malattia attraverso la mia attività artistica, raccogliere fondi, promuovere convegni, studi e ricerche per aumentare  la conoscenza di questa patologia  e individuare le terapie più adatte-sottolinea il cantante.

Una carriera artistica eclettica. Canto, musical e teatro 

Oggi cinquantenne, Fontana inizia  a cantare a sette anni  nel coro delle voci bianche divenendo  solista, e  partecipando  a molti concerti  nelle più grandi basiliche di Roma. La sua preparazione artistica  prosegue   al conservatorio di violino dai 12 ai 17 anni. Poi l’abbandono   perché  lo studio di Ragioneria lo assorbe troppo… mentre affiora un'altra passione, la danza contemporanea. A 18 anni frequenta lo studio Fersen  per intraprendere la carriera di attore e migliorare la recitazione che è il suo grande sogno. Superato il provino con Gabriele Lavia, altro suo mito, collabora con Giancarlo Sepe e con Tito Schipa Jr. Intanto  Fontana  è attratto da un’altra forma d’arte, il musical, ancora poco conosciuto  in Italia, e frequenta  la scuola di “canto leggero” Caio Bascerano,  per passare poi  alle lezioni  di Maria Rohrmann (deceduta nell’estate scorsa), perché il musical richiede la  "voce mista”.Tutte scelte premianti in quanto, a 26 anni di età, Alessandro viene segnalato dall’attore/regista Ennio Coltorti  per un importante musical su Don Bosco al quale partecipa con il ruolo di protagonista ( “Scusi lei ci crede ai miracoli?” ) in scena  al Sistina e al Quirino.  Nei “Sette  Re di Roma” ha modo di fare conoscenza col grande Pietro Garinei, deus ex machina, e di Gigi Magni (autore dei testi) e Nicola Piovani (musiche). “E' stato davvero un onore trovarsi a contatto con questi personaggi - ricorda oggi  Fontana -  era come stare in una grande famiglia”.  Sono seguiti altrettanti successi nel campo della canzone (spettacolo sui brani di Mia Martini) e del musical. Ad oggi l’arresto  del lavoro artistico  per la malattia  nel 1991 e anni successivi  lo si deve considerare solo  una sosta temporanea.
 www.myspace.com/alessandrofontana61

I BRANI  DEL  CD “ MI SEI  SCOPPIATA DENTRO AL CUORE”

Stasera  io qui - Mi sei scoppiata dentro al cuore - L’uomo per me - Se telefonando - Vorrei che fosse amore - Breve  amore - Nessuno al mondo - Città vuota - La voce del silenzio - La banda – Adagio – Grande, grande, grande - Amor mio - Bugiardo incosciente - Ancora, ancora, ancora - Volami nel cuore - Non può morire un’idea - Solo una voce

Il ricavato della  vendita  di questo disco sarà devoluta  all’A.S.AM.S.I (C’è un bambino che non può camminare. Aiutaci a capire perché).
 
www.asamsi.org 

 
notte taranta altalena.png
facebook youtube twitter
  • login

Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando








...QUANDO LA DANZA E' DA OSCAR
Immagine

Un ponte per far conoscere dal vivo personalità di eccellenza della storia della danza italiana a tantissimi giovani e dall’altro mostrare le punte di diamante della didattica privata agli altri...
INIZIATIVE B&V. LE " CREATURE" DI MANLIO CATALANO
Immagine

  Ballareviaggiando guarda all 'arte e presenta  la prima mostra personale dello  scultore Manlio Catalano, già definito “ un artista geniale e un po’ naif”,  in programma a Roma , il...